Le macchinette slot 56228
Speciale

Green pass obbligatorio cosa si può fare e cosa no: alle slot solo immuni al lotto senza vaccini

Città del Vaticano — Allarme della Caritas : con la imminente riapertura delle strutture in cui è possibile effettuare il gioco d'azzardo — dalle sale Bingo ai bar che hanno all'interno apparecchi abilitati alle scommesse — si rischia seriamente di esporre decine di migliaia di famiglie al rischio di cadere nella rete dell'usura. L'effetto domino della ludopatia è micidiale ed è drammaticamente amplificato dalla crisi economica portata dal Covid. Il vescovo Ben Ambarus, direttore della Caritas diocesana di Roma, si è fatto portavoce di una richiesta diretta alla Regione Lazio a continuare ad applicare la legge regionale contro il gioco d'azzardo che prevede — attraverso un fondo anti-usura di 4,5 milioni di euro - una serie di misure contenitive per le famiglie indebitate, compreso la regolamentazione delle slot machine. La norma approvata il 21 febbraio dovrebbe entrare in vigore a settembre prossimo. La Regione Lazio ha subito risposto che l'impegno verrà mantenuto. Oms, dai piani nazionali di vaccinazione esclusi 46 milioni di sfollati e migranti. Poi con la pandemia e con il lockdown e la chiusura di bar e tabaccherie i numeri sono scesi, portando ad un dimezzamento del gioco. Adesso il problema si ripropone amplificato con la riapertura e la crisi economica che morde ovunque.

Sarà una riunione sicuramente movimentata. Le associazioni di categoria, infatti, in alcuni casi avevano fortemente contestato il provvedimento burocratico che stabiliva i seguenti orari in cui possono essere accese le macchine: tutti i giorni compresi i festivi dalle 10 alle 13 e dalle 18 alle Soprattutto i tabaccai erano insorti perchè, a loro avviso, chiudendo alle 19,30 avevano penalizzazioni dal punto di vista degli incassi rispetto ad altri esercizi che chiudono più tardi. Secondo quanto illustrato dagli assessori al Commercio Sara Paladini e alla Cultura Paola Turchelli e dai rappresentanti di Legambiente si tratta di coppia iniziative parallele che hanno trovato una sintesi comune. Lo facciamo mettendo nei bar e anche nelle tabaccherie dei libri che si possono scambiare invece delle macchinette. Da tempo in città vi sono luoghi di scambio come ad esempio al Pronto soccorso. I cittadini che vogliono donare libri per questa causa possono farlo contattando la Biblioteca». Abbiamo ottenuto un significativo risultato: tre bar hanno deciso di negare gli accordi per le slot e riconvertirsi ai libri.

Per bere il caffè al banco non sarà necessario esibire il Green passma attenzione se volete sedervi al scrittoio dentro un locale invece è forzato esibire il certificato che sia in forma cartacea o scaricato sullo smartphone. Entra in vigore oggi la nuova norma e i gestori dei ristoranti, dei bar, gli albergatori i teatri gli stessi tabaccai che hanno addirittura una sola slot o raccolgono le giocate per le scommesse virtuali oppure di calcio o Il testo compiuto di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati. Da ella mi aspetto grandi cose». Pagina successiva. Portalettere e ladro di posta nel Napoletano: in casa 2 quintali di corrispondenza mai consegnata.

Previous Post Next Post

Leave a Reply